Abusiva concessione credito riconosciuta quando l'impresa finanziata si trovi in stato in stato di crisi o di difficoltà economica


img_news
La banca può essere condannata al risarcimento danni per abusiva concessione di credito se l'imprenditore finanziato si trovi in stato di crisi, inteso quale squilibrio economico patrimoniale che rende probabile lo stato di insolvenza o quantomeno in una situazione di grave difficoltà finanziaria

2020-06-25 | 17:40

Con sentenza 3616/2020, il Tribunale di Napoli - Sez. specializzata in materia di Impresa - fa il punto sui principi che assistono l'azione di risarcimento danni per abusiva concessione di credito nei confronti della banca che abbia concesso finanziamenti all'impresa in stato di crisi, aggravandone lo stato di dissesto patrimoniale.

Affinchè possa dirsi abusivo, è necessario che il finanziamento sia avvenuto in assenza ( o senza edeguata valutazione  ) di uno specifico piano industriale da cui possa desumersi che l'erogazione di liquidità sia protesa ad un  concreto risanamento dell'impresa, in termini di proficuità del ricorso ad ulterire indebitamento, e che sia assicurata la formazione di risorse sufficienti a garantirne la restituzione.

Il ricorso a nuovi fianziamenti da parte dell'impresa in crisi non è di per sè abusivo, come confermato dal riconoscimento della prededuzione  in favore delle banche in sede concorsuale, ove l'impresa finanziata si trovi poi nella necessità di accedere ad una  misura di disciplina della crisi, ma è necessario che avvenga a determinate condizioni, ovvero che le banche si attengano scrupolosamente alla normativa in materia ( Circolare Banca D'Italia  n. 263 del 27.12.2006 e successive integrazioni), in particolare acquisendo, ai fini della valuazione del merito creditizo, non solo il piano industriale ed i bilanci societari, ma anche  utilizzando "ogni strumento conoscitivo disponibile".

La relativa azione giudiziale può essere proposta in uno alle azioni di responsabilità nei confronti dei componenti dell'organo gestorio e/o di controllo, purché la condotta della banca abbia concorso con quella di costoro nella causazione dello stato di dissesto patrimoniale ed in tal caso, configurandosi  quale azione di massa, la legittimazione spetta anche al curatore fallimentare.   

       

CERCA NELLE NEWS
CONDIVIDI
NEWSLETTER

Hai apprezzato le nostre notizie? Compila i campi sottostanti ed iscriviti alla nostra newsletter periodica, per essere sempre informato sugli ultimi aggiornamenti!


SEDI E RECAPITI

Via Luigi Guercio, 145
84134-Salerno
089722416
089722802
FATTURAZIONE

P.IVA: 03376470658
codice univoco fatt.elettronica: SUBM70N